Tonalità di Blu: Quante Esistono e Quali Sono le Gradazioni Blu

Tonalità di Blu

Il colore blu figura, insieme al verde e al rosso, fra i colori primari, essendo in grado di realizzare, proprio grazie alle differenti unioni con essi, numerose altre sfumature e tonalità.

Si tratta di uno dei colori che l’occhio umano è in grado di vedere e distinguere; quando si unisce a vari pigmenti e colori, inclusi il bianco e il nero, dà vita a un gran numero di sfumature di blu dai nomi diversi, che variano in quanto a luminosità.

Siamo pronti per vedere insieme i diversi tipi di blu esistenti: chissà che non possa diventare il nuovo colore preferito di molti di noi!

grafica gratis

Le tipologie di blu

  • Acqua: si tratta di un turchese molto vivo, anche noto come “Ciano”.
  • Acquamarina: è una sfumatura compresa fra il Ciano e il verde chiaro. Questo tipo di blu dà il nome alla pietra colorata da questa gradazione (che è anche la pietra portafortuna del segno dell’Acquario).
  • Avio: sfumatura di azzurro e grigio, prende il suo nome dalle uniformi degli aviatori.
  • Azzurro: fra le tonalità più semplici da realizzare, viene creato a partire dal blu e dal bianco; la colla bianca potrebbe risultare utile quando si fanno opere di decoupage.
  • Azzurro Fiordaliso: sfumatura molto viva di azzurro, simile al colore dei petali del fiore.
  • Azzurro Pastello: un azzurro delicato e molto luminoso, simile al colore del cielo. È uno fra i colori più utilizzati per bavagliette e tutine di bimbi maschi.
  • Blu: colorazione di base dalla quale è possibile realizzare ulteriori sfumature e altri colori.
  • Blu Acciaio: sfumatura lievemente più scura, sembra un Azzurro Avio, ma più scuro.
  • Blu Alice: un azzurro così luminoso da poter essere confuso per un bianco sporcato di azzurro, come una nuvola nel cielo. Il nome viene dalla sua creatrice, la figlia di Theodore Roosevelt.
  • Blu Bondi: sfumatura di azzurro; il nome deriva dal colore del mare di Sydney, nella spiaggia Bondi Beach.
  • Blu Chiaro: tonalità di blu non molto diversa da Fiordaliso.
  • Blu Persia: sfumatura di blu non molto dissimile dal viola, creata nel 1955; il nome proviene dall’impiego di uno speciale sale di colore blu, per via della presenza di silvinite.
  • Blu di Prussia: un blu decisamente scuro, che tende al nero e al viola scuro; fu scoperto in Germania, in modo del tutto casuale.
  • Blu Dodger: sfumatura di blu acceso, viene impiegata per le uniformi del team californiano di baseball “Los Angeles Dodger”.
  • Blu Egiziano: sfumatura simile al viola, ma che presenta tuttavia dei toni di blu. Dopo essere stato scoperto dagli Egizi, questo colore fu usato anche da Greci, Etruschi e Romani.
  • Blu Elettrico: sfumatura più luminosa del blu Prussia, che ricorda l’alone che circonda i fulmini.
  • Blu Fiordaliso: sfumatura meno chiara dell’azzurro Fiordaliso; ricorda i petali dell’omonimo fiore.
  • Blu Marino: tonalità di blu dotata di sfumature di nero e di viola; ricorda i fondali marini.
  • Blu Notte: tonalità di blu che tende al viola, spesso visibile dopo il tramonto.
  • Blu Oltremare: tonalità di blu che proviene dai lapislazzuli. Michelangelo impiegò una grande quantità di questa sfumatura per affrescare il cielo della Cappella Sistina.
  • Blu Pavone: tonalità di blu tendente al verde scuro.
  • Blu Polvere: tonalità creata a partire dal blu e da una quantità molto inferiore di grigio. In base alla gradazione che si desidera realizzare può uscire più o meno chiaro.
  • Blu Reale: sfumatura più viva del Blu Acciaio, tende al viola pur essendo realizzato da pigmenti azzurri, bianchi e blu.
  • Blu Scuro: tonalità di blu profonda, simile al colore impiegato su mappe e cartine per indicare gli oceani.
  • Blu Tiffany: sfumatura di blu che tende al verde, viene associato al brand di gioielli Tiffany.
  • Carta da zucchero: un azzurro molto luminoso e delicato che ricorda il cielo.
  • Celeste: una sfumatura molto viva di azzurro, che ricorda il Ciano; viene utilizzato anche come nome di persona.
  • Ceruleo: una sfumatura di blu compresa fra il verde e l’azzurro. Esiste una speciale iride capace di cambiare colore in base al tempo.
  • Ciano: un tipo di azzurro molto luminoso e vivo.
  • Cobalto: una sfumatura realizzata a partire da pigmenti blu e viola. Fu scoperta nel 1802.
  • Denim: una tonalità di blu che tende al grigio; fu inizialmente impiegato per colorare i primi jeans, negli anni Sessanta.
  • Indaco: sfumatura di blu che si crea a partire dal Ciano e dal Magenta.
  • International Klein Blue: sfumatura di Blu Oltremare, ma meno chiara e più simile al viola.
  • Lavanda Blu: sfumatura del viola lavanda con un’aggiunta di pigmento azzurro e dunque più vivo.
  • Pervinca: sfumatura di Blu realizzata attraverso il celeste, il grigio e il violetto. Il fiore prende il nome da questo colore.
  • Turchese: sfumatura d’azzurro, è un colore decisamente scuro, che tende al grigio.
  • YInMn Blue: si tratta di una gradazione simile al Blu di Prussia e al Blu Cobalto, che si realizza attraverso una combinazione fra tre minerali. Il nome presenta al suo interno le tre iniziali di questi minerali: indio (I), magnese (Mn) e Ittito (Y).
  • Zaffiro: sfumatura di blu lievemente più scura del Blu di Prussia; dà il suo nome alla nota pietra preziosa.

L’ultima tonalità di blu scoperta: lo YInMn Blue

YInMn Blue è la più recente gradazione di blu scoperta.

La sfumatura fu identificata nel 2009 all’Università statale dell’Oregon, negli Stati Uniti. Il professore di chimica Munirpallam Appadorai Subramanian era impegnato in una ricerca; a supportarlo, il suo studente Andrew E. Smith.

Il docente aveva ottenuto un finanziamento nazionale per scoprire dei nuovi materiali da utilizzare all’interno dell’industria elettronica. A essere scoperta fu, a sorpresa, una nuova sfumatura di blu, la prima del tutto sconosciuta dopo oltre due secoli.

Il triossido di manganese e gli ossidi di indio e ittrio, portati all’elevatissima temperatura di circa 1.100 °C, diedero vita a un blu brillante praticamente perfetto, in grado di rispecchiare la radiazione infrarossa.

Il docente Subramanian e lo studente Smith brevettarono il pigmento, che acquisì il nome di YInMn Blue (da indio, In, manganese, Mn, e ittrio, Y) dopo aver compreso le potenzialità della scoperta.

Diversamente da ciò che succede con molti tipi di blu, lo YInMn non risulta essere tossico e, in particolare, è chimicamente fisso, rimanendo stabile al variare della temperatura, ma anche a contatto con sostanze tossiche o con l’acqua.

Inoltre, le superfici verniciate con questo blu non subiscono aumenti di temperatura con l’irraggiamento luminoso: ciò rende questo colore davvero adatto per rivestimenti efficienti e restauri di opere d’arte, ma anche utile all’interno dell’industria informatica e delle automobili.

Alessia T.

Ciao, io sono Alessia e faccio parte del team di Grafica-Facile.com! Ho una grande passione per il design e, avendo molta esperienza nel settore, ho deciso di partecipare in questo bellissimo progetto per condividere il mio sapere sul graphic e web design.

Ritorna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.