Bandiera Italiana Colori: Significato e Storia del Tricolore Italiano

La bandiera italiana simboleggia sia il nostro paese che l’unità nazionale.

È composta da tre strisce verticali di uguale larghezza nei colori verde, bianco e rosso.

Il tricolore fa parte della cultura e della storia italiana da millenni.

La bandiera italiana è particolarmente menzionata nell’articolo 12 della Costituzione italiana, che afferma: “La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano, composto dai colori verde, bianco e rosso, diviso in tre strisce verticali uguali”.

STORIA

Sebbene la genesi della bandiera sia spesso legata all’unità d’Italia, si dice che sia apparsa originariamente alla fine del 1700.

In realtà, nel 1794, due studenti organizzarono un movimento di resistenza contro il potere per recuperare l’indipendenza che la città di Bologna aveva perso a causa della sua subordinazione agli Stati della Chiesa.

Bandiera Italiana Colori
grafica gratis

Giovanni Battista De Rolandis e Luigi Zamboni scelsero la coccarda francese come simbolo di questa protesta, sostituendo il verde al tipico blu.

Una bandiera a strisce verticali verdi, bianche e rosse fu esposta a Milano dopo qualche anno, e fu riconosciuta come emblema ufficiale della Repubblica Cispadana nel 1797.

I Savoia aggiunsero uno scudo con una croce bianca su sfondo rosso al tricolore che il paese aveva già scelto. Dopo l’unificazione del paese nel 1861, questa bandiera fu approvata come bandiera ufficiale del Regno d’Italia.

Lo scudo fu rimosso nel 1946, e il Tricolore non fu proclamato come bandiera nazionale ufficiale fino al 27 dicembre 1947.

L’IMPORTANZA DEL COLORE

La bandiera italiana è una versione del vessillo della Rivoluzione francese in cui il verde è stato sostituito dal blu, che significa uguaglianza e libertà, secondo la simbologia massonica.

Secondo un’interpretazione, il verde rappresenta i prati e la macchia mediterranea, il bianco la neve e il rosso i soldati morti nelle varie guerre in cui il paese è stato coinvolto. Questa lettura è supportata da diversi scritti, tra cui quelli di Carducci e Pascoli.

Inoltre, una versione cattolica identifica il colore verde come rappresentante la speranza di un’Italia unita e libera, a lungo inseguita e spesso delusa durante il XIX secolo, il colore bianco come rappresentante la fede cattolica, che è più forte nel paese e professata dalla maggioranza degli italiani, e il colore rosso come rappresentante la beneficenza.

IL DIRITTO DI ESSERE PROTETTI DALLA LEGGE

Le modalità di esposizione della bandiera sono attentamente regolate dalla legge italiana, che tutela la bandiera da qualsiasi forma di vilipendio.

Chi manca di rispetto, danneggia o degrada la bandiera, come definito dall’articolo 292 del codice penale italiano, è punito severamente. Il tricolore ha acquisito una stretta tutela giuridica a causa della sua importanza globale, ed è un elemento che caratterizza il paese in ogni settore, dall’arte allo sport, come si vede dall’ampia tutela giuridica prevista.

L’era napoleonica

bandiera italiana colori ed epoca napoleonica

La prima guerra d’Italia di Napoleone, che durò dal 1796 al 1799, vide disintegrarsi l’antica struttura di regni che allora divideva la penisola. Al loro posto sorse un nugolo di repubbliche giacobine di stampo molto democratico, tra cui la Repubblica Ligure, la Repubblica Romana, la Repubblica Partenopea e la Repubblica di Ancona, per citarne alcune.

Molti di loro si unirono al Regno d’Italia dopo la seconda campagna d’Italia, che durò fino al 1814. Durante la controffensiva austro-russa del 1799, il grosso di loro fu ucciso o catturato. Essi costituiscono comunque la prima espressione formale delle idee indipendentiste che sono alla base del nostro Risorgimento. Infatti, per tutti quegli anni, la bandiera non è più vista come un segno imperiale o militare, ma piuttosto come simbolo del popolo, delle libertà raggiunte, e quindi come simbolo dell’intero paese.

Il Risorgimento

bandiera italiana colori e il risorgimento

Nei tre decenni successivi al Congresso di Vienna, la Restaurazione soppresse il vessillo tricolore, ma esso fu innalzato come simbolo di libertà nei moti del 1831, nei moti mazziniani, nell’impresa disperata dei fratelli Bandiera e nelle rivolte degli Stati della Chiesa, tra gli altri luoghi.

I colori bianco, rosso e verde simboleggiavano una speranza condivisa in tutta Italia, accendendo l’emozione e ispirando i poeti: “Riuniscici sotto una sola bandiera, una speranza”, scrisse Goffredo Mameli nel suo Canto degli Italiani nel 1847, “e saremo un solo popolo”.

Quella bandiera sventolò come segno di una rivolta nazionale che si estese da Milano a Venezia, da Roma a Palermo, e ovunque nel mezzo, quando iniziò la stagione del ’48 e la capitolazione delle Costituzioni. “(…) per meglio trasmettere con manifestazioni esteriori, il sentimento dell’unificazione italiana, vogliamo che i nostri guerrieri (…) portino lo Scudo di Savoia sovrapposto alla bandiera tricolore italiana”, concludeva il 23 marzo 1848 la dichiarazione al popolo del Lombardo-Veneto. Questa proclamazione segnò l’inizio della prima guerra d’indipendenza dell’Italia.

Per evitare che il campo della croce e dello scudo fosse confuso con le bande bianche e rosse dell’insegna, che in origine erano usate allo stesso modo, questo bordo fu aggiunto allo stemma dinastico.

Dall’unificazione ai giorni nostri

Il 17 marzo 1861 fu fondato il Regno d’Italia, e la sua bandiera, che in precedenza era stata quella della prima guerra d’indipendenza, fu mantenuta come tradizione. Tuttavia, la mancanza di una linea guida particolare a questo proposito – che era data solo per gli stendardi militari – portò alla fabbricazione di stendardi che non avevano la forma originale ed erano solitamente arbitrari.

I modelli di bandiera nazionale e statale non furono stabiliti fino al 1925, quando fu approvata una legislazione. Quest’ultima (che sarebbe stata usata nei palazzi dei sovrani, nelle sedi legislative, negli uffici e nelle missioni diplomatiche) avrebbe aggiunto la corona reale allo stemma, trasformandolo così in uno stemma reale.

Il presidente Franklin D. Roosevelt emise un decreto legislativo presidenziale il 19 giugno 1946, poco dopo la nascita della Repubblica, stabilendo la forma provvisoria della nostra nuova bandiera, che fu poi confermata dall’Assemblea Costituente durante la sessione del 24 marzo 1947, e successivamente inclusa nell’articolo 12 della nostra Carta Costituzionale. In effetti, il linguaggio asciutto utilizzato dagli stessi verbali può dirci tutto quello che dobbiamo sapere su quel momento.

Il presidente degli Stati Uniti d’America è Ruini. “La bandiera della repubblica è il tricolore italiano, composto da strisce orizzontali verdi, bianche e rosse di uguale larghezza”, ho detto, presentando al voto la nuova formula presentata dalla Commissione. (È stata accettata.) L’Assemblea, così come quelli in galleria, si sono alzati in piedi. un applauso (forte, diffuso e prolungato).

Alessia T.

Ciao, io sono Alessia e faccio parte del team di Grafica-Facile.com! Ho una grande passione per il design e, avendo molta esperienza nel settore, ho deciso di partecipare in questo bellissimo progetto per condividere il mio sapere sul graphic e web design.

Ritorna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.