I 7 Colori dell’Arcobaleno in Ordine Esatto

7 Colori Arcobaleno

Ti sarà capitato di aver visto un arcobaleno dopo un po’ di pioggia.

Ma in quale ordine appaiono i colori dell’arcobaleno?

Cos’è che fa apparire un arcobaleno?

Esamineremo tutto quello che c’è da sapere sull’ordine dei colori dell’arcobaleno, compreso cosa significa ROYGBIV, perché gli arcobaleni esistono e se stanno cambiando.

Qual è l’ordine dei 7 colori dell’arcobaleno?

L’ordine dei colori dell’arcobaleno è ufficialmente il seguente:


Rosso, Arancione, Giallo, Verde, Blu, Indaco e Viola.

Ciò significa che vedrete questi sette colori in questo ordine in ogni arcobaleno che vedrete (dalla parte superiore dell’arco dell’arcobaleno alla parte inferiore dell’arco).

Sono propenso a credere che si possa immaginare la maggior parte, se non tutti, i sette colori dell’arcobaleno. Tuttavia, molte persone sono perplesse sull’indaco e su come differisce dal blu e dal viola. L’indaco è un colore che si caratterizza per essere a metà strada tra il blu e il viola.

La maggior parte delle persone sembra essere d’accordo che l’indaco è più un blu profondo o scuro che una tinta viola o viola, tuttavia anche questo è oggetto di discussione!

grafica gratis

Qual è il significato di un arcobaleno?

Cosa ne provoca la sua formazione?

Ora che conosci la sequenza dei colori dell’arcobaleno, sai cosa provoca la formazione di un arcobaleno?

E perché queste sette tonalità sono in questo particolare ordine in un arcobaleno?

Per rispondere a questi problemi, torneremo indietro fino allo scienziato e matematico inglese Isaac Newton.

Newton ha condotto numerosi esperimenti sulla luce, che sono raccontati nel suo libro Opticks del 1704, e ha determinato che quando la luce bianca chiara viaggia attraverso un prisma, si rifrange in tinte distinte in un ordine specifico, dando luogo a un arcobaleno. Questo significa che la luce bianca è composta da una vasta gamma di colori piuttosto che essere bianca pura!

Canzone dei Sette Colori dell’Arcobleno

Lo spettro visibile (luce) è composto da queste tonalità; è la parte dello spettro elettromagnetico che gli occhi umani possono vedere.

Le lunghezze d’onda di tutti i colori nello spettro della luce visibile variano, con il rosso che è il più lungo a circa 700 nanometri e il viola che è il più corto a circa 380 nanometri. Quando queste lunghezze d’onda passano attraverso un prisma, si piegano ad angoli diversi, ed è per questo che la sequenza di colori dell’arcobaleno si presenta in questo modo.

Newton è colui che ha avuto l’idea di interpretare l’ordine dell’arcobaleno in termini di sette tonalità distinte -ROYGBIV- ma gli arcobaleni in realtà contengono oltre un milione di colori, molti dei quali non sono rilevabili ad occhio nudo!

Inoltre, mentre alcune tonalità, come il rosa e il marrone, sono visibili a occhio nudo, non hanno una propria lunghezza d’onda e possono essere create solo combinando diverse lunghezze d’onda. Il rosa, per esempio, è composto da lunghezze d’onda rosse, verdi e blu.

Quindi, come nasce un arcobaleno naturale – quello che vediamo nel cielo -? Gli arcobaleni si formano quando la luce del sole passa sopra le gocce d’acqua nel cielo, causando la rifrazione e la riflessione della luce a forma di arco.

Di conseguenza, le possibilità di vedere un arcobaleno sono maggiori nei giorni di sole e di pioggia. Gli arcobaleni appaiono sempre sul lato opposto del cielo rispetto a dove si trova il sole, quindi se ne stai cercando uno, assicurati di avere le spalle al sole.

L’ordine dei colori dell’arcobaleno cambierà mai?
Quando la maggior parte delle persone pensa all’ordine dei colori dell’arcobaleno, pensa a ROYGBIV. Tuttavia, come ho già detto, l’arcobaleno contiene molti più di sette colori.

Poiché Newton riteneva che il numero di colori in un arcobaleno dovesse essere uguale al numero di note in una scala musicale, scelse di definire l’arcobaleno come composto da sette tinte. Ovviamente, questo è un modo piuttosto arbitrario (e non scientifico) di guardare le varie tonalità in un arcobaleno. Molti individui non riescono ancora a distinguere l’indaco dal violetto o dal blu!

Quindi, mentre lo spettro visibile (ordine dei colori dell’arcobaleno) sarà sempre lo stesso, il modo in cui parliamo dell’ordine dei colori dell’arcobaleno può cambiare nel tempo, in base a come la gente percepisce e descrive i colori.

Molte rappresentazioni attuali dell’arcobaleno usano solo sei colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu e viola, omettendo completamente l’indaco. La bandiera arcobaleno LGBT, per esempio, passa dal blu al viola senza l’uso dell’indaco.

Una marcia dell’orgoglio omosessuale con la bandiera arcobaleno LGBT.

Allora, perché continuiamo a mantenere l’indaco nell’ordine dei colori dell’arcobaleno, soprattutto perché così tante persone lo considerano niente più che un colore di transizione blu-viola? Molti dicono che è semplicemente dovuto al desiderio di seguire la tradizione.

L’acronimo inglese ROYGBIV, in cui ogni lettera sta per la prima lettera dei nomi dei colori, è il modo più semplice per ricordare l’ordine dei colori dell’arcobaleno (in altre parole, R sta per rosso, O sta per arancio, Y sta per giallo, ecc.) La maggior parte delle persone dice ROYGBIV in tre sillabe, il che lo fa suonare e sembrare più simile al nome di una persona: Biv. Roy G.

A volte vedrete ROYGBIV scritto al contrario come VIBGYOR.

È possibile, tuttavia, che i futuri bambini dell’asilo imparino il ROYGBV – senza la I di indaco!

footer grafica 1

Alessia T.

Ciao, io sono Alessia e faccio parte del team di Grafica-Facile.com! Ho una grande passione per il design e, avendo molta esperienza nel settore, ho deciso di partecipare in questo bellissimo progetto per condividere il mio sapere sul graphic e web design.

Ritorna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.