Segno Grafico tra Comunicazione e Immagine

Segno Grafico

Sia nell’uomo primitivo e nell’infante la prima relazione con l’immagine si realizza per mezzo del segno.

È in questo modo che trova espressione l’importante necessità della comunicazione, nella modalità più semplice e immediata.

Per realizzare un segno grafico serve una superficie, ma anche un arnese in grado di lasciare una traccia, un movimento del corpo (della mano o del braccio) e la disposizione della mente a realizzarlo.

L’insieme di superfici, arnesi, volontà e movimenti costituisce il punto di partenza per esprimersi in maniera nuova ed espansiva.

Questa considerazione grafica, se valutata come sistema di formalizzazione dei messaggi, può essere adattata a differenti processi psicologici, associabili a una vasta gamma di risultati cognitivi.

Volendo sintetizzare i parametri che ci guidano nella rappresentazione del mondo, possiamo dire come la percezione degli oggetti si basi su principi come la coerenza, la forza, il contatto e la continuità.

grafico simbolo

Questi sono i valori fondamentali che abbiamo acquisito sin dalla nascita e che ci guidano nel nostro sviluppo come persone.

Possiamo definire la percezione come un processo propriamente attivo, che consta nell’organizzare, nel modo più efficiente possibile, i nostri stimoli.

Wolfgang Köhler, psicologo tedesco, notò una grande disposizione dell’uomo verso la semplicità; il motivo è che il rapporto fra le forze tende nettamente, quasi in ogni situazione, alla ricerca di un equilibrio.

Le notazioni grafiche sono impiegate in maniera massiccia in contesti differenti; possiamo per esempio pensare a quando vogliamo semplificare un documento oppure quando prendiamo gli appunti a scuola: la nostra psiche desidera riassumere delle informazioni, descrivendole attraverso segni grafici.

Per delineare un segno o una traccia abbiamo le seguenti tre modalità di esecuzione.

Il segno-oggetto (traccia aperta): l’oggetto viene delineato dal segno traccia.

Gli usi più comuni sono i seguenti:

  • legame fra le parti
  • sviluppo del processo temporale
  • rapporto fra punti e procedimenti operativi della mente
  • oggetti sottili, filiformi oppure evanescenti
  • linee virtuali, che rappresentano degli oggetti mobili
  • direzione del vettore
  • andamento di una sequenza.

Segno-contorno (traccia chiusa): l’oggetto viene delineato attraverso il segno traccia, nonché dalla superficie racchiusa. Comunemente può essere trovato:

  • nella schematizzazione di oggetti o sezioni
  • nel disegno tecnico
  • nel disegno descrittivo, nel quale ha un valore simbolico
  • negli schemi nei quali peso e dimensioni dell’oggetto fanno riferimento a valori di quantità e di altro tipo.

Segno-tessitura (tratteggio o texture): impiegato in disegni prospettici, nei quali è necessario percepire la profondità.

Può essere solitamente trovato in:

  • diagrammi di flusso
  • cartine geografiche
  • disegni tecnici.

Come Imparare le Basi della Grafica in Modo Semplice

La nostra piattaforma da a disposizione un gran numero di risorse per consentirvi di assimilare i fondamenti della grafica e dei software Adobe.

Disponiamo anche di diversi corsi che vi permetteranno di imparare sia i concetti basilari, se siete agli inizi, sia quelli più complessi, se siete più esperti.

Li hanno creati dei designer con molti anni d’esperienza nel campo, pertanto potete stare certi della loro qualità.

Cliccate di sotto per vederli:

footer grafica 1

Alessia T.

Ciao, io sono Alessia e faccio parte del team di Grafica-Facile.com! Ho una grande passione per il design e, avendo molta esperienza nel settore, ho deciso di partecipare in questo bellissimo progetto per condividere il mio sapere sul graphic e web design.

Ritorna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.