Logo Ferrari: Storia, Significato, PNG e JPG

Logo Ferrari

Il logo Ferrari è uno dei più conosciuti in tutto il mondo, il rosso fiamma che contraddistingue le vetture è ormai simbolo di velocità e pregio.

Sebbene sia così famoso, non tutti conoscono la storia che si cela dietro un marchio così prestigioso.

Un viaggio nel mondo del successo in sella al cavallino rampante.

Origini dello stemma

Il marchio Ferrari affonda le proprie radici nel 1692 quando fu fondato il “Reggimento Piemonte Reale” per volere di Vittorio Amedeo II di Savoia.

Si trattava di una delle migliori unità della cavalleria piemontese e in generale di tutta l’Italia. In seguito il reggimento adottò il noto colore rosso sgargiante per i baveri, le bande dei pantaloni e i paramani.

Come stemma fu scelto il simbolo del cavallino rampante. Più di due secoli dopo, precisamente all’inizio della prima Guerra Mondiale, venne creato il “Battaglione Aviatori” di cui Francesco Baracca entrò a far parte con lo stemma del cavallino rampante sul proprio aereo.

Secondo alcune credenze, in passato vi era l’usanza di mostrare il segno distintivo della casata perdente sull’aereo del vincitore.

Proprio per questo motivo si pensa che in seguito a una battaglia contro la città di Stoccarda, Baracca uscito vincitore, fece riportare sul proprio aereo lo stemma del cavallo nero appartenente alla città sconfitta.

Quest’ipotesi è molto accreditata vista anche la grande somiglianza tra il noto stemma Ferrari e il cavallo nero (che poi sarebbe una cavallina) di Stoccarda. Altra curiosità è che anche nel marchio Porsche è presente lo stesso stemma di Stoccarda.

Francesco Baracca divenne un’icona, un simbolo per tutti gli italiani, specialmente in seguito alla tragica morte sul colle Montello durante la Grande Guerra.

L’unica immagine ufficiale che possediamo di Francesco Baracca con il proprio aereo è in un dipinto di Ettore Graziani, pittore bolognese, che fu poi utilizzato dalla famiglia per produrre delle cartoline.

Durante la gara sul “Circuito automobilistico del Savio” presso Ravenna, Enrico e Paolina Baracca genitori del pilota regalarono l’immagine al vincitore della gara, Enzo Ferrari, per mantenere vivo il ricordo del figlio.

L’esordio della scuderia

Fu così che il pilota Enzo Ferrari creò nella citta di Modena la famosa “Scuderia Ferrari”, una filiale dell’Alfa Romeo, e anni dopo, nel 1943, la sede fu trasferita a Maranello in un terreno di proprietà Ferrari.

Lo stemma del cavallino nero rimase intatto, fu aggiunto semplicemente uno sfondo giallo canarino (colore della città di Modena), e bordato superiormente con i colori della bandiera italiana. Fu questo ciò che rese quello stemma l’icona piena di storia e prestigio che tutti oggi conosciamo.

Da questo momento il simbolo apparve sulle pubblicazioni e i documenti ufficiali della scuderia, tranne che sulle vetture che erano ancora targate Alfa Romeo.

Lo stemma comparve per la prima volta sulle vetture nel 1932 alla 24 Ore di Spa in Belgio, in cui la Scuderia Ferrari prese parte con due vetture.

Nel 1947, fu creato lo stemma rettangolare, oltre che quello a forma di scudo, con l’aggiunta del cognome “Ferrari”. Fu quindi stabilito il carattere e trovata la perfetta inclinazione del cavallino per un utilizzo più diffuso del logo.

Il marchio rettangolare si trova su tutte le vetture targate Ferrari, da competizione e granturismo. Quello a scudo invece distingue le vetture ufficiali utilizzate nelle gare. Il logo Ferrari subì continui piccoli cambiamenti nel corso della storia dell’azienda, ma fu così che si giunse a quello conosciuto in tutto il mondo.

In particolare nel 2002 grazie al restyling dell’agenzia Seidlcluss che si trovò la perfetta posizione delle zampe del cavallino, si definì l’occhio e furono apportate una serie di correzioni ottiche per le lettere.

Alessia T.

Ciao, io sono Alessia e faccio parte del team di Grafica-Facile.com! Ho una grande passione per il design e, avendo molta esperienza nel settore, ho deciso di partecipare in questo bellissimo progetto per condividere il mio sapere sul graphic e web design.

Ritorna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.