Cerchi Esercizi per Photoshop? Ecco 5 Siti con Esercizi

Photoshop.

Un nome che è sempre stato un pilastro nella mente di chi opera nel campo della fotografia, della grafica e del design.

Sapevate che l’origine del nome è particolare?

La prima versione risale ai fratelli Knoll il cui padre era un fotografo.

Elaborarono il programma per aiutarlo: le immagini erano costruite in scala di grigio su un display che poi da bianco e nero diventò a colori.

In seguito corressero la tonalità, la luminosità, i bordi che non erano netti.

Si cominciò a pensare a una commercializzazione del programma e così nacque il nome Photoshop, che tale è rimasto nel tempo.

Da Photoshop è derivato il neologismo photoshoppare che allude alla modifica di un’immagine digitale attraverso le operazioni di fotoritocco.

Il fotoritocco: l’arte del collage digitale

Oggi la pratica del fotoritocco è molto diffusa.

Chi, ad esempio, non desidera migliorare il contenuto di una foto o, addirittura, apportare modifiche al suo contenuto?

Gli stessi fotografi professionisti, quando utilizzano il digitale, rendono le loro immagini più belle con le dovute correzioni.

La figura del grafico digitale è molto preziosa nella fotografia, nella pubblicità, nell’editoria.

pulsante photoshop

Lo stesso fatto che il fotoritocco consenta di eliminare o quantomeno ridurre le imperfezioni ha consentito di avanzare nel tempo e di aggiungere numerose funzioni (i filtri plug in).

Ci sono tuttavia coloro che preferiscono archiviare i file in originale e si oppongono ad alcuni stravolgimenti abbastanza lontani dal reale.

Tutto dipende dagli obiettivi che ci si pone.

Photoshop in questo è eccellente: i suoi vari livelli permettono ai principianti e ai più esperti nel settore di ottenere l’effetto desiderato.

Si sa che la bellezza è negli occhi di chi la osserva.

Questo vale ancor più nell’ambito plurifunzionale del digitale.

Siti che offrono tutorial di Photoshop

Fortunatamente diversi siti hanno caricato tutorial che insegnano le diverse funzioni di Photoshop in modo gratuito: ciò è molto utile sia per chi è alle prime armi sia per esperti che vogliono perfezionarsi e migliorarsi professionalmente.

Lynda è un portale di formazione che mette a disposizione più di 400 tutorial che mostrano le varie fasi di progettazione su una foto (dalla modifica al disegno delle forme alla ridefinizione dei caratteri fino a giungere all’esportazione dei file e alla condivisione delle immagini).

Adobe è il sito più indicato per apprendere le basi di Photoshop o affinare le competenze.

I tutorial spiegano i primi passi, le tecniche essenziali, le trasformazioni avanzate, i ritocchi di base, gli strumenti di disegno e di testo, i filtri, la manipolazione delle immagini, la stampa e la condivisione.

pulsante photoshop

Tutto è spiegato nei minimi dettagli e con precisione in modo da esprimere al massimo la propria creatività.

Photoshop Cafe è una tra le risorse più semplici ed efficaci in quanto i tutorial sono brevi e utilizzano un linguaggio chiaro adatto ai principianti.

L’interfaccia di Photoshop

L’interfaccia di Photoshop è caratterizzata da menù e barre degli strumenti che permettono all’utente di poter utilizzare sia le opzioni di modifica che i diversi strumenti presenti.

In più si possono aggiungere dei filtri speciali (filtri plug in) attraverso i quali si possono ottenere eccellenti risultati.

Tra questi ad esempio abbiamo effetti di messa a fuoco creativi, effetti che trasformano le foto in meravigliose opere d’arte o le rendono più nitide o aggiungono altri elementi (quali il fuoco, la cromatura… etc).

Per avviare il programma, basta fare un doppio clic sull’icona e Photoshop si apre mostrando la sua interfaccia.

Per imparare ad utilizzare gli strumenti e i pannelli a disposizione, si possono seguire dei tutorial molto utili e chiari o diversamente ci si può affidare a un buon manuale di istruzioni.

Fra i diversi tutorial messi a disposizione sul web, se ne trova uno dell’Università di Washington in lingua inglese che spiega diversi esercizi che si possono fare con il grandioso Photoshop.

pulsante photoshop

Ad esempio, nell’ambito della pittura ci si può esercitare all’uso della gomma, della matita e dei pennelli.

Si può anche lavorare sui bordi rendendoli sfocati se non sono regolari o sui colori selezionandone la luminosità e la tonalità.

Il software si rivela davvero accattivante per le molteplici modalità di interazione.

Manipolare le immagini

I primi passi da compiere per lavorare con Photoshop sono le varie tecniche di manipolazione delle immagini che possono essere zoomate, ruotate, ritagliate.

Un corso utile in questo campo è quello di Day Two di Bill Morrison, che in modo eccezionale è in grado di creare un dialogo tra il cinema e la fotografia manipolando i fotogrammi.

Bill propone nella sua guida una serie di esercizi che mirano al potenziamento della creatività e originalità dell’utente:

si parte dal modificare un’immagine combinando sapientemente la tavolozza dei colori fino a migliorarne il contrasto, ad applicare bellissimi filtri, a modificare lo sfondo aggiungendo profondità.

Ne vien fuori un filtro d’artista che rafforza estro e personalità di chi si approccia.

pulsante photoshop

Ritagliare le immagini

Per ritagliare un’immagine lo strumento da utilizzare è la taglierina selezionando i campi larghezza e altezza.

Si può ritagliare l’immagine senza alcuna restrizione, si possono invertire i valori dell’altezza e della larghezza o si può ritagliare un bordo di selezione.

Compaiono anche suggerimenti di ritaglio automatici o delle griglie per migliorare il ritaglio.

Una funzione molto interessante permette di modificare la prospettiva di un’immagine mentre viene ritagliata in modo da ridurne la distorsione (e quindi l’inclinazione) e allinearne i bordi.

Un altro strumento chiamato sagoma fa ritagliare una foto in base alla forma che si intende selezionare.

Varie sono le forme presenti nel menù e da spostare fino alla posizione desiderata.

C’è anche chi decide di modificare le dimensioni del quadro ridimensionandolo o ampliandolo o colorandone l’estensione.

Se invece abbiamo più foto in un unico file, possono essere separate e raddrizzate inserendo ognuna in un file diverso.

Correggere i colori delle foto

Photoshop consente di regolare i colori e le tonalità in modo da perfezionarli.

Diversi sono i livelli di regolazione e calibrazione.

Per i lavori ad alta qualità si lavora con immagini a 16 bit.

pulsante photoshop

Per correggere i colori si può applicare all’immagine una selezione e applicare un livello alla volta.

Così i cambiamenti vengono apportati solo alle componenti dell’immagine incluse nel livello selezionato.

Il colore deve essere bilanciato evitando colori molto o poco saturi attraverso un sistema di livelli e curve.

Si possono migliorare i particolari di luce e ombra, si possono creare effetti speciali aumentando la nitidezza o il contrasto regolarizzando alcuni pixel in aree critiche.

I livelli distribuiscono i pixel in ciascun canale di colore e le curve regolano i mezzitoni e le ombre.

Bisogna infine salvare le impostazioni attraverso il comando corrispondenza colore e l’effetto è esattamente quello auspicato.

Comandi Temperatura e Tinta

Il comando temperatura consente di bilanciare il bianco servendosi di una scala specifica, chiamata scala di temperatura cromatica kelvin.

Se ci spostiamo verso sinistra, troviamo i colori più freddi che tendono al blu; verso destra, invece, ci sono i colori più caldi che volgono al rosso.

A un valore Kelvin specifico corrisponderà una precisa colorazione.

pulsante photoshop

Per le luci fotografiche si fa riferimento a una temperatura di 3200 kelvin in cui i colori sono ben bilanciati.

Il comando tinta bilancia il bianco e, se si sposta il cursore verso sinistra, aggiunge verde alla foto; se invece si sposta verso destra, aggiunge il magenta.

Creare effetti di testo in Photoshop

Photoshop dà la possibilità all’utente di cambiare l’aspetto del testo, che viene alterato, convertito in forme oppure ombreggiato.

Dal pannello Azioni ci si può sbizzarrire creando effetti di testo speciali.

Ad esempio, si può modificare l’orientamento del testo in orizzontale e in verticale fino a creare una forma chiusa o lo si può capovolgere lungo un tracciato o, addirittura, modificarne la forma.

Il testo può anche essere dotato di un bordo, di un’ombra esterna o può essere riempito con una immagine selezionata aprendo un file.

L’immagine può fare da sfondo o portata in primo piano oppure, attraverso il pannello livelli può essere posizionata sopra il testo.

Le scritte si possono personalizzare scegliendo un carattere particolare tra i font proposti.

Tra gli effetti testo compaiono vari tipi di distorsione adatti a un volantino o a una campagna pubblicitaria.

pulsante photoshop

Altri stili particolari riprendono il legno, la ruggine o una tempesta e il testo compare in versione 3D.

Alcuni testi hanno uno stile retrò o patterns di colore speciali per effetti tipo cinema.

Ognuno può far volare la sua fantasia e divertirsi fra le varie opzioni.

Per creare modelli davvero sorprendenti ci si può abbonare a Envato e scaricare risorse di altissima qualità.

Flex Photoshop Action, azione di Envato

Con questa azione scaricabile da Envato si possono ottenere design altamente professionali.

Le foto vengono assimilate ad opere d’arte astratte riempiendo il soggetto raffigurato di colore. L’impatto ottico è ad alta energia.

Fondamentale è la combinazione dei colori selezionata che si va ad applicare all’area della foto da mettere in risalto.

Ad esempio c’è l’effetto scalatura verso l’alto o verso il basso di otto modelli di vetro differenti: in tal caso pare che il soggetto della foto si trovi davanti a una parete di vetro.

Conclusioni

In conclusione possiamo dire che Photoshop ha valutazioni molto positive perché numerose sono gli strumenti e le funzioni ed è il più affermato nel mondo professionale.

Per chi è all’inizio il prezzo potrebbe essere un ostacolo ma se si vuole investire in qualità e affidabilità la Creative Suite di Photoshop non conosce rivali, nonostante in alternativa si stia affermando anche GIMP, che è un open source, ha un’interfaccia più semplice e numerose funzionalità.

Photoshop si distingue perché ha una gamma più completa di plug in e supporta sia i file RAW che i file CMYK, molto apprezzati dai designer.

Vuoi imparare di più sulla Grafica?

Abbiamo diversi corsi online per imparare i programmi Adobe e su come diventare un grafico, clicca qui sotto per vederli:

photoshop footer

Alessia T.

Ciao, io sono Alessia e faccio parte del team di Grafica-Facile.com! Ho una grande passione per il design e, avendo molta esperienza nel settore, ho deciso di partecipare in questo bellissimo progetto per condividere il mio sapere sul graphic e web design.

Ritorna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *